Sito ufficiale di Catherine Spaak

Home » Press » Rassegna Stampa » Rassegna Stampa » L’amore secondo Catherine Spaak
A+ R A-

L’amore secondo Catherine Spaak

Intervista alla scrittrice che questa sera presenta il nuovo libro al Forum Eventi

MODENA - È Catherine Spaak la protagonista del nuovo appuntamento della fortunata rassegna "Forum eventi". L'ex conduttrice di "Harem" alle 21 salirà sul palco del Forum Guido Monzani a Modena per presentare il suo ultimo libro "L'amore blu" (Mondadori).


Signora Spaak, chi sono i protagonisti di questa storia?
« Sarah e Davide, due persone che si completano a vicenda, due anime gemelle. Tra loro nasce un rapporto speciale e che li porterà ad intraprendere un percorso spirituale. Lui è giovane, più un ragazzo che un uomo, ma per Sarah diventa un maestro, una luce che la condurrà lontano. Davide è anche un amico e quel figlio che lei crede di aver perduto».


Quindi la differenza d’età non conta in un rapporto così profondo?
«Sono convinta che non esista differenza d’età ma solo differenza di esperienza. Ci sono persone che nascono sapendo già più degli altri».


Perché L’amore blu? Qual è il significato di questo colore? «Non voglio svelare troppi elementi del libro anche perché il discorso è più complesso e profondo di quanto non si immagini e lo si può comprendere solo leggendo il romanzo. Non si tratta di una semplice storia d’amore ma di un giallo, ricco di mistero che si svela lentamente. Il blu è legato alla spiritualità: nei chakra, i centri di energia della filosofia indiana, l'amore puro ha infatti il colore del blu che sfuma nel viola.


Quanto c’è di autobiografico nel suo romanzo?
«Nulla o quasi. I personaggi e la storia sono inventati ma sono anche il frutto di ricordi personali, di letture, di insegnamenti e di esperienze vissute da persone che conosco».
Amore e spiritualità hanno ancora lo stesso valore nella società di oggi, dove le persone vivono sempre più il contatto virtuale offerto dalla tecnologia, a discapito di quello reale?
«Dipende dal tipo di amore di cui si sta parlando. Credo comunque che siano ancora elementi fondamentali. Purtroppo corriamo sempre più il rischio di fraintendere, di fare confusione in fatto di sentimenti, creando anche aspettative sbagliate».


Lei ha sempre parlato molto di donne, sia nei suoi programmi televisivi, sia nei suoi libri: come descrive l’attuale svilimento del loro ruolo?
«Credo che soprattutto le più giovani debbano compiere scelte etiche e non accontentarsi né adeguarsi alla situazione attuale. Sarebbe un grave errore oltre che pericoloso a livello psicologico e morale».


di Silvia Marchetti da La Gazzetta di Modena

Share This Socially!

Catherine Spaak © Official site

Media Surfer Tools of communication